CHI SIAMO E COSA FACCIAMO

AGATHON S.R.L.nasce nel 2015, per far fronte ad un’esigenza sempre più impellente, con un obiettivo: integrare i richiedenti asilo sino a farli diventare ” contribuenti”, ovvero parte attiva della società civile. La cooperativa inizia a pensare ad un nuovo modo di accoglienza volto a mettere al centro la figura del migrante inserito nel contesto della comunità locale.

AGATHON ha messo in atto un modello di Accoglienza nell’ambito del quale fornire un servizio che permetta ai richiedenti asilo di integrarsi nella nuova realtà e di ottenere l’assistenza necessaria al termine di un’esperienza traumatica come quella della migrazione.
Sono stati avviati programmi integrativi e collaborazioni con gli enti territoriali circostanti. In sintesi, si cerca di creare un senso di comunità, fondamentale per permettere l’integrazione dei cittadini stranieri nella nuova realtà in cui si trovano a vivere.

Nei Centri di accoglienza straordinaria (CAS) che gestiamo in convenzione con le Prefetture di Asti e Torino, offriamo un servizio di prima accoglienza a cittadini stranieri che fanno domanda di protezione internazionale.
Un’attenzione particolare è riservata alle donne richiedenti protezione internazionale più fragili: vittime di tratta, mamme sole con bambini o giovani donne in attesa di un figlio. Diamo loro sostegno durante la gravidanza e le accompagniamo nel delicato periodo dell’allattamento e dello svezzamento, curando gli aspetti sanitari, psicologici ed emotivi attraverso corsi di educazione alla sessualità, di maternità consapevole e di sostegno alla genitorialità.

Il nostro obiettivo: aiutare ogni persona a raggiungere l’autonomia.

IL TEAM

Per l’erogazione dei servizi di accoglienza dei progetti CAS, Agathon si avvale di due equipe multidisciplinari, ciascuna delle quali è in capo a una coordinatrice.
Servizi specifici tra cui consulenze legali, assistenza psicologica, insegnamento della lingua italiana L2, gestione dell’area comunicazione, orientamento e ricerca attiva del lavoro, inserimento lavorativo, progetti finalizzati all’inserimento sociale dei nostri ragazzi e ragazze.
L’Agathon dispone inoltre di un’area amministrativa-contabile e di un’area progettazione.

COSA FACCIAMO

FORMAZIONE

Scopri di più

INSERIMENTO LAVORATIVO

Scopri di più

ORIENTAMENTO LEGALE

Scopri di più

ASSISTENZA SANITARIA

Scopri di più

Formazione

Laboratori di italiano L2Alfabetizzazione (Livello A0 – Corso per analfabeti; Livello A1 – Corso per semi scolarizzati in lingua madre; Livello A2 – Corso per scolarizzati ma con scarsa conoscenza della lingua italiana.) e preparazione agli esami di terza media e aiuto nei compiti per chi frequenta la scuola dell’obbligo pubblica in collaborazione e convenzione con il CPIA di Asti

Corso di formazione linguistica per accrescere la conoscenza dell’italiano L2 e del vocabolario utile in contesto lavorativo – il corso è dedicato alla microlingua di uno specifico settore lavorativo (es. ristorazione, ricezione turistica, agroalimentare, artigianato, edilizia, agricoltura, commercio, ecc.)

Laboratorio di educazione stradale – il laboratorio ha lo scopo di aiutare i ragazzi richiedenti asilo ad assumere un coretto comportamento sulla strada, sia come pedoni sia come ciclisti

Laboratorio di educazione alla cittadinanza – il laboratorio ha l’obiettivo di migliorare la competenza orale ed espressiva dei partecipanti, si propone di aumentare la capacità del migrante di capire e farsi capire in italiano; approfondire la conoscenza dell’Italia, con i suoi usi, le sue istituzioni, le sue regole culturali e legali; informare sull’accessibilità ai servizi sul territorio quali quelli sanitari, della scuola, i servizi sociali, della ricerca lavorativa e sugli obblighi fiscali. Sono, inoltre, previste attività formative in cui con la simulazione di scambi comunicativi orali in contesti di vita quotidiana e comportamenti da tenere in determinati luoghi, tra cui posta, banca, ospedale, scuola, mezzi pubblici.

Inserimento Lavorativo

Orientamento e ricerca del lavoro sul territorio – Le principali attività svolte sono:
attività informative sul sistema dei servizi offerti dalla rete territoriale per il lavoro, sostegno nella compilazione del Curriculum Vitae, simulazioni del colloquio di selezione, attività informative sulle realtà del territorio per l’invio del Curriculum Vitae, attività informative su corsi di formazione e forniamo supporto per l’eventuale iscrizione

Inserimento lavorativo – Pur conoscendo la difficoltà che comporta trovare un lavoro, praticamente ogni giorno, parte dello staff di Agathon si mobilita per cercare il modo per integrare al meglio ciascuno secondo le proprie attitudini e capacità: un lavoro REGOLARE, che sia esso un tirocinio o un inserimento lavorativo a tutti gli effetti.

Le opportunità che troviamo per i nostri ospiti sono:
COOPERATIVA FORMULA – La cooperativa Formula nasce da un’idea di Tullio Marini al fine di fornire ai Richiedenti Protezione Internazionale un’opportunità di lavoro. Anche a rotazione. È un dovere morale fornire, alle persone meritevoli, un’opportunità di guadagnare e di ottenere dignità inviando, nel contempo, un sostegno economico alla propria famiglia. Tirocini lavorativi presso qualsiasi genere di azienda che possa essere interessata ad avviare, mediante idonea formazione, una risorsa umana alla propria attività; Inserimenti lavorativi con contratti a tempo determinato (questo genere di contratto più complesso da ottenere costituisce un valore aggiunto ben più significativo rispetto all’inserimento di cui al punto 1); Contratti di apprendistato. Abbiamo attualmente in corso, nell’ambito del food&beverage, alcuni contratti di questa tipologia; Contratti a tempo indeterminato. Detta tipologia di contratto costituisce la massima aspirazione per un richiedente protezione internazionale. Ad oggi, grazie all’impegno dei ragazzi e delle loro peculiarità, siamo riusciti, seppure la percentuale sia irrisoria, ad ottenere alcuni inserimenti di questo genere.

Orientamento Legale

Orientamento legale – L’orientamento legale è una delle componenti fondamentali e più complesse del percorso di assistenza integrata di richiedenti asilo e rifugiati, perché l’audizione con la Commissione Territoriale è il luogo e momento in cui si decide per il riconoscimento della protezione internazionale ed è quindi il punto cruciale del percorso di accoglienza che può determinare differenti sviluppi della proprio percorso di richiedente asilo.
La maggioranza delle persone accolte nei progetti non conosce i propri diritti né la normativa sull’asilo, pertanto l’informazione è il primo passo, consapevoli che sarà sempre indispensabile l’intervento del mediatore culturale per aiutare a tradurre concetti complicati, dal punto di vista linguistico, ma anche dal punto di vista culturale. L’elaborazione della propria storia, spesso carica di dolore e difficoltà, richiede fatica e impegno. Frammenti di vita rimossi possono essere molto importanti. L’obiettivo è quello di portare il richiedente asilo a immedesimarsi nella situazione che incontrerà di fronte alla Commissione e cercare di capire quale sia il senso dell’incontro con la Commissione. Il supporto degli operatori è indispensabile, non soltanto per mettere a fuoco quegli elementi della propria biografia utili a motivare il diritto alla protezione internazionale, ma anche per conoscere quali siano i propri diritti di base in sede di audizione, ma sempre lasciando libertà di scelta al beneficiario. Il compito dell’operatore legale non è quello di costruire la “giusta” storia, ma di dare tutte le informazioni al richiedente asilo in modo che sia consapevole di dove si trova e possa giocare a carte scoperte. Il percorso di orientamento legale può non concludersi con la Commissione Territoriale. Infatti, nel caso di diniego, il richiedente asilo ha diritto di fare ricorso al Tribunale Ordinario. In questo caso, è nuovamente centrale il ruolo del mediatore culturale come supporto nell’iter giuridico concordato con il legale chiamato a seguire il caso.

  • CORSI DI ALFABETIZZAZIONE PER ADULTI
  • LABORATORI LINGUISTICI TEMATICI

Vuoi scoprire il percorso legale che ogni rifugiato deve seguire?

Scopri di più

Assistenza sanitaria

ASSISTENZA SANITARIA – Previa l’iscrizione al servizio sanitario nazionale (SSN), i richiedenti asilo possono accedere ai servizi di base previsti per tutti i residenti sul territorio italiano.

Tra questi rientrano:
– la scelta del medico di medicina generale (di base) e del pediatra;
– l’accesso ai consultori familiari e ai dipartimenti di igiene mentale;
– le prestazioni di urgenza (ricoveri ospedalieri e pronto soccorso);
– la presa in carico sanitaria di persone con vulnerabilità psicologica e psichiatrica o con disagio mentale
– l’accesso al servizio di medicina legale, presso il quale è possibile attestare lo stato fisico o psichico del migrante forzato e, pertanto, accertare l’eventuale tortura o qualsiasi altra forma di violenza subita ai fini del rilascio di una certificazione, in quanto documentazione importante da presentare alla commissione competente per l’esame della domanda di protezione dell’interessato.

Vuoi avere maggiori informazioni?

Le nostre sedi

Sede Legale: Piazza Ester Mietta, 4 Tortona (AL) 15057
Direzione Generale : Via del Varrone, 56 Asti (AT) 14100

Sedi operative Asti
– Serravalle d’Asti, Via Nazionale 4.
– Montechiaro D’Asti, Regione Reale, N. 4.
– Revigliasco d’Asti, Strada Val Mongogno n.4
– Villanova d’Asti, Via Buttigliera, N. 116
– Frinco, Via Della Croce 11 & Via Principe Amedeo 2

Sedi di Ivrea
– Settimo Vittone, Via Parrocchiale n. 1
– Montalto Dora, Via Ivrea n. 2

Contattaci

Ho letto e accetto la Policy Privacy